Ricoeur e la dialettica del riconoscimento