Secondo i documenti dell’UE, il settore industriale è quello che ha fatto i maggiori progressi in termini di efficienza energetica negli ultimi vent’anni. Tuttavia rimangono ancora margini di miglioramento che vanno sfruttati. Nel capitolo dapprima vengono esaminati gli obbiettivi e le potenzialità di risparmio così come sono stati esplicitati in modo analitico sia nei documenti governativi sia in alcuni studi, tra i quali quelli condotti da Confindustria che, oltre ai risultati in termini energetici, mostrano le positive ricadute in termini di occupazione, valore della produzione e impatto sul bilancio statale. Passando alle condizioni per raggiungere tali obiettivi e realizzare gli interventi di efficienza energetica indicati, le ESCo (Energy Service Companies) risultano essere un catalizzatore importante anche in questo settore. Come mostra anche la Direttiva 2012/27, la prima attività da promuovere per conseguire i risparmi nel settore industriale sono le diagnosi energetiche. La certificazione dei soggetti e delle attività che svolgono sono un altro elemento importante. Anche se l’attenzione si concentra di solito sulle attrezzature e sui processi industriali e sulla sostituzione dell’hardware con componenti più efficienti, risulta perciò importante preoccuparsi anche dell’organizzazione del mercato dei servizi. Non bisogna infine trascurare i sistemi di gestione dell’energia all’interno delle imprese, dai quali dipende una parte importante del consumo energetico.

Le potenzialità dell'efficienza energetica nell'industria

SILEO, ANTONIO
2014

Abstract

Secondo i documenti dell’UE, il settore industriale è quello che ha fatto i maggiori progressi in termini di efficienza energetica negli ultimi vent’anni. Tuttavia rimangono ancora margini di miglioramento che vanno sfruttati. Nel capitolo dapprima vengono esaminati gli obbiettivi e le potenzialità di risparmio così come sono stati esplicitati in modo analitico sia nei documenti governativi sia in alcuni studi, tra i quali quelli condotti da Confindustria che, oltre ai risultati in termini energetici, mostrano le positive ricadute in termini di occupazione, valore della produzione e impatto sul bilancio statale. Passando alle condizioni per raggiungere tali obiettivi e realizzare gli interventi di efficienza energetica indicati, le ESCo (Energy Service Companies) risultano essere un catalizzatore importante anche in questo settore. Come mostra anche la Direttiva 2012/27, la prima attività da promuovere per conseguire i risparmi nel settore industriale sono le diagnosi energetiche. La certificazione dei soggetti e delle attività che svolgono sono un altro elemento importante. Anche se l’attenzione si concentra di solito sulle attrezzature e sui processi industriali e sulla sostituzione dell’hardware con componenti più efficienti, risulta perciò importante preoccuparsi anche dell’organizzazione del mercato dei servizi. Non bisogna infine trascurare i sistemi di gestione dell’energia all’interno delle imprese, dai quali dipende una parte importante del consumo energetico.
8896726182
L. De Paoli
Efficienza Energetica: governace, strumenti e mercato
G., Selmi; Sileo, Antonio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11565/3977135
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact