Un nuovo protagonista dello scenario post-industriale: il consumatore collezionista