Nel contributo si esamina, innanzitutto, la nozione di “soggetto interessato” rilevante ai fini dell’individuazione dei soggetti legittimati ad attivare la procedura internazionale in esame, evidenziandosi come tale nozione non sia sempre idonea a garantire quel perfetto allineamento tra soggetti legittimati ad attivare la procedura e soggetti rientranti nell’ambito soggettivo di applicazione della Convenzione da cui origina la controversia, che, nel delimitare “per rinvio” l’oggetto e l’ambito di applicazione della procedura, l’art. 1 della Direttiva sembrerebbe invece presupporre. Si esamina, poi, la possibilità di sollevare questioni che non hanno a oggetto “doppie imposizioni”, che, pur sembrando pacifica alla luce dell’art. 1, è tutt’altro che scontata se si analizza una serie di insidiose norme procedimentali annidate nei meandri della Direttiva. in terzo luogo, rifuggendo da una mera elencazione delle questioni rientranti nell’ambito della procedura in esame, il perimetro delle questioni sollevabili sarà ulteriormente delimitato con la lente di un interessante caso in materia di credito per le imposte estere, che è stato oggetto di due recenti risposte a interpello. Da ultimo, si accennerà ai criteri per individuare i tributi che possono essere oggetto di controversia e ai profili territoriali di applicazione della procedura internazionale.

Il perimetro delle controversie fiscali internazionali: legittimazione attiva, questioni sollevabili, materie coperte e profili territoriali

Contrino, Angelo
2022-01-01

Abstract

Nel contributo si esamina, innanzitutto, la nozione di “soggetto interessato” rilevante ai fini dell’individuazione dei soggetti legittimati ad attivare la procedura internazionale in esame, evidenziandosi come tale nozione non sia sempre idonea a garantire quel perfetto allineamento tra soggetti legittimati ad attivare la procedura e soggetti rientranti nell’ambito soggettivo di applicazione della Convenzione da cui origina la controversia, che, nel delimitare “per rinvio” l’oggetto e l’ambito di applicazione della procedura, l’art. 1 della Direttiva sembrerebbe invece presupporre. Si esamina, poi, la possibilità di sollevare questioni che non hanno a oggetto “doppie imposizioni”, che, pur sembrando pacifica alla luce dell’art. 1, è tutt’altro che scontata se si analizza una serie di insidiose norme procedimentali annidate nei meandri della Direttiva. in terzo luogo, rifuggendo da una mera elencazione delle questioni rientranti nell’ambito della procedura in esame, il perimetro delle questioni sollevabili sarà ulteriormente delimitato con la lente di un interessante caso in materia di credito per le imposte estere, che è stato oggetto di due recenti risposte a interpello. Da ultimo, si accennerà ai criteri per individuare i tributi che possono essere oggetto di controversia e ai profili territoriali di applicazione della procedura internazionale.
9788833794006
Del Federico, Lorenzo; Pistone, Pasquale; Trivellin, Mauro
La risoluzione delle controversie fiscali internazionali nell'Unione europea : commento sistematico al Decreto legislativo 10 giugno 2020, n. 49, corredato dalle formule applicative
Contrino, Angelo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
6_Contrino.pdf

non disponibili

Descrizione: capitolo
Tipologia: Pdf editoriale (Publisher's layout)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 373.74 kB
Formato Adobe PDF
373.74 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4053290
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact