Nel contesto attuale degli urgenti e importanti investimenti per lo sviluppo dell’assistenza di comunità, così come previsti dal Piano di Ripresa e Resilienza italiano, il presente articolo si prefigge un duplice obiettivo: (a) descrivere un modello di decentramento erogativo di servizi specialistici di norma gestiti presso ospedali hub, capace di valorizzare le Case della Comunità come una rete di setting erogativi di prossimità, e (b) analizzare le determinanti di contesto e i driver manageriali azionabili per disegnare, implementare e consolidare un’innovazione di servizio di tipo transformational change. Per rispondere alle domande di ricerca, l’articolo presenta il caso di un’innovazione trasformativa in una Casa della Salute in un’area montana dell’Azienda Sanitaria piacentina. Descrive come, a seguito di un graduale processo di decentramento sui servizi oncologici, la Casa della Salute di Bettola, comune di 2.600 abitanti, eroghi settimanalmente cure oncologiche decise dal Dipartimento di Oncologica dell’Ospedale AUSL di Piacenza ma erogate localmente da due professionisti oncologici (un medico e un infermiere). Il successo di questo caso si basa sulla convergenza della gestione e della leadership clinica, sul gradualismo dell’intero decentramento dei servizi oncologi, sulla motivazione di professionisti e pazienti e su un’attenta attenzione alle problematiche logistiche. Questo caso può servire come prototipo per le repliche in altri contesti e per l’introduzione di innovazioni simili in altre aree terapeutiche.

La Casa della Comunità come piattaforma erogativa decentrata dell’ospedale Hub. Il caso servizi oncologici della Casa della Salute di Bettola (AUSL PC)

Bobini, Michela;Fattore, Giovanni;Longo, Francesco;Meda, Francesca
2022-01-01

Abstract

Nel contesto attuale degli urgenti e importanti investimenti per lo sviluppo dell’assistenza di comunità, così come previsti dal Piano di Ripresa e Resilienza italiano, il presente articolo si prefigge un duplice obiettivo: (a) descrivere un modello di decentramento erogativo di servizi specialistici di norma gestiti presso ospedali hub, capace di valorizzare le Case della Comunità come una rete di setting erogativi di prossimità, e (b) analizzare le determinanti di contesto e i driver manageriali azionabili per disegnare, implementare e consolidare un’innovazione di servizio di tipo transformational change. Per rispondere alle domande di ricerca, l’articolo presenta il caso di un’innovazione trasformativa in una Casa della Salute in un’area montana dell’Azienda Sanitaria piacentina. Descrive come, a seguito di un graduale processo di decentramento sui servizi oncologici, la Casa della Salute di Bettola, comune di 2.600 abitanti, eroghi settimanalmente cure oncologiche decise dal Dipartimento di Oncologica dell’Ospedale AUSL di Piacenza ma erogate localmente da due professionisti oncologici (un medico e un infermiere). Il successo di questo caso si basa sulla convergenza della gestione e della leadership clinica, sul gradualismo dell’intero decentramento dei servizi oncologi, sulla motivazione di professionisti e pazienti e su un’attenta attenzione alle problematiche logistiche. Questo caso può servire come prototipo per le repliche in altri contesti e per l’introduzione di innovazioni simili in altre aree terapeutiche.
2022
Bobini, Michela; Fattore, Giovanni; Longo, Francesco; Meda, Francesca
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
06_MESAOA_121_2022_Bobini.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo
Tipologia: Pdf editoriale (Publisher's layout)
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.05 MB
Formato Adobe PDF
1.05 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4053270
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact