Questo contributo propone alcune riflessioni in merito al supporto che le competenze di finanza aziendale dei sindaci e/o dei consiglieri indipendenti possono portare al board delle aziende. In particolare, tali riflessioni intendono rispondere a tre principali quesiti. Primo quesito: sono utili le competenze di finanza in seno al board? Secondo quesito: in quali circostanze le competenze di finanza sono particolarmente utili? Terzo quesito: le competenze distintive di finanza di un board member sono sufficienti? L’Autore, attraverso una serie di esempi mutuati dalla propria esperienza sul campo, giunge alla conclusione che le competenze di finanza aziendale sono particolarmente utili nelle aziende ad azionariato concentrato e, soprattutto, in occasione: delle operazioni di finanza straordinaria (acquisizioni, OPA, ecc.); dell’interazione con gli investitori; e, infine, della progettazione/manutenzione/implementazione delle politiche finanziarie che riguardano i finanziamenti, la distribuzione dei dividendi, la gestione della liquidità e dei rischi finanziari. Al tempo stesso, le competenze distintive di finanza meritano di essere integrate con quelle di ERM e di ESG, per ampliare la prospettiva del purpose aziendale e recepire indicatori di rischio (KRI) e di performance non finanziaria complementari a quelli di performance finanziaria.

Le competenze di finanza aziendale a supporto del board

Conti, Cesare
2022-01-01

Abstract

Questo contributo propone alcune riflessioni in merito al supporto che le competenze di finanza aziendale dei sindaci e/o dei consiglieri indipendenti possono portare al board delle aziende. In particolare, tali riflessioni intendono rispondere a tre principali quesiti. Primo quesito: sono utili le competenze di finanza in seno al board? Secondo quesito: in quali circostanze le competenze di finanza sono particolarmente utili? Terzo quesito: le competenze distintive di finanza di un board member sono sufficienti? L’Autore, attraverso una serie di esempi mutuati dalla propria esperienza sul campo, giunge alla conclusione che le competenze di finanza aziendale sono particolarmente utili nelle aziende ad azionariato concentrato e, soprattutto, in occasione: delle operazioni di finanza straordinaria (acquisizioni, OPA, ecc.); dell’interazione con gli investitori; e, infine, della progettazione/manutenzione/implementazione delle politiche finanziarie che riguardano i finanziamenti, la distribuzione dei dividendi, la gestione della liquidità e dei rischi finanziari. Al tempo stesso, le competenze distintive di finanza meritano di essere integrate con quelle di ERM e di ESG, per ampliare la prospettiva del purpose aziendale e recepire indicatori di rischio (KRI) e di performance non finanziaria complementari a quelli di performance finanziaria.
9788823839052
Carretta, Alessandro; Schwizer, Paola; Pierdicchi, Maria
Directors : la buona governance vista dai Ned
Conti, Cesare
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
9788823839052_IND.PDF

non disponibili

Descrizione: indice
Tipologia: Allegato per valutazione Bocconi (Attachment for Bocconi evaluation)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.38 MB
Formato Adobe PDF
1.38 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4053205
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact