Sul carattere “eccezionale” del diritto penale