La terza sezione della Corte di Giustizia UE con la pronuncia che qui segnaliamo, resa il 19 marzo 2020, C-234/18, ha stabilito che la normativa europea in materia di confisca — e, in particolare, la decisione quadro 2005/212/GAI relativa alla confisca di beni, strumenti e proventi di reato — non impedisce agli Stati membri di prevedere, nei rispettivi ordinamenti nazionali, strumenti di confisca dei proventi di attività criminose adottati al di fuori del procedimento penale e senza che il soggetto destinatario della misura sia stato condannato per alcun reato.

Confisca senza condanna e diritto dell'Unione Europea: nessun vincolo per il legislatore nazionale

Trinchera, Tommaso
2020

Abstract

La terza sezione della Corte di Giustizia UE con la pronuncia che qui segnaliamo, resa il 19 marzo 2020, C-234/18, ha stabilito che la normativa europea in materia di confisca — e, in particolare, la decisione quadro 2005/212/GAI relativa alla confisca di beni, strumenti e proventi di reato — non impedisce agli Stati membri di prevedere, nei rispettivi ordinamenti nazionali, strumenti di confisca dei proventi di attività criminose adottati al di fuori del procedimento penale e senza che il soggetto destinatario della misura sia stato condannato per alcun reato.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TT2020_RIDPP.pdf

non disponibili

Tipologia: Pdf editoriale (Publisher's layout)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.59 MB
Formato Adobe PDF
1.59 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11565/4035665
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact