Volontà generale e costituzione: la riserva del senso