La ricerca realizzata dal CeRGAS per il Rapporto OASI 2019 “Tecnologia e innovazione nei modelli di servizio in sanità” mette in luce il valore strategico che alcuni processi di innovazione guidati dalle tecnologie possono assumere per il SSN e le sue aziende. Si tratta di innovazioni non strettamente sanitarie, capaci di generare profondi cambiamenti nei modelli di servizio con impatti sui pazienti, sull’organizzazione e sui professionisti. La ricerca offre una prima panoramica dei processi in corso identificando almeno cinque ambiti di possibile innovazione: 1. il primo concerne i sistemi di accesso e contatto, per i quali tecnologie digitali, già da tempo disponibili in altri settori, si stanno traducendo solo recentemente in proposte a maggior valore aggiunto per cittadini e utenti; 2. il secondo riguarda tecnologie relativamente mature, ma configurate ad hoc per supportare lo sviluppo dei nuovi modelli di presa in carico e gestione della continuità assistenziale; 3. il terzo guarda a tecnologie più recenti, che fanno leva sull’intelligenza artificiale (IA) per supportare i processi decisionali clinici, di diagnosi e scelta del trattamento, con applicazioni promettenti nel sistema delle cure primarie; 4. il quarto approfondisce tecnologie, come la robotica o la realtà virtuale e aumentata, che stanno modificando i processi di cura e per le quali gli sviluppi attesi nel campo della riabilitazione sono altissimi; 5. il quinto, definito «degli ambienti intelligenti», vede nuovamente l’applicazione di tecnologie già disponibili nel mercato, ma ricombinate in modalità originali per contribuire alla copertura di bisogni di assistenza socio-sanitaria sempre crescenti. Ognuno dei cinque ambiti, approfondito attraverso l’analisi di alcuni casi esemplificativi, presenta traiettorie di sviluppo differenziate ma alcune tendenze comuni, tra cui: la tendenza alla disintermediazione nei processi di consumo che spiazza il tradizionale ruolo del professionista; le difficoltà strutturali delle aziende pubbliche nel percorrere processi di innovazione analoghi a quelli «più radicali» sviluppati nel circuito dei consumi privati e l’importanza del top management nel consolidare e trasmettere all’azienda il bisogno di assimilare l’innovazione traducendola in processi e modalità di funzionamento.

Tecnologia e innovazione nei modelli di servizio in sanità

Paola Roberta Boscolo
;
Lorenzo Fenech;Valeria Rappini;Andrea Rotolo
2019-01-01

Abstract

La ricerca realizzata dal CeRGAS per il Rapporto OASI 2019 “Tecnologia e innovazione nei modelli di servizio in sanità” mette in luce il valore strategico che alcuni processi di innovazione guidati dalle tecnologie possono assumere per il SSN e le sue aziende. Si tratta di innovazioni non strettamente sanitarie, capaci di generare profondi cambiamenti nei modelli di servizio con impatti sui pazienti, sull’organizzazione e sui professionisti. La ricerca offre una prima panoramica dei processi in corso identificando almeno cinque ambiti di possibile innovazione: 1. il primo concerne i sistemi di accesso e contatto, per i quali tecnologie digitali, già da tempo disponibili in altri settori, si stanno traducendo solo recentemente in proposte a maggior valore aggiunto per cittadini e utenti; 2. il secondo riguarda tecnologie relativamente mature, ma configurate ad hoc per supportare lo sviluppo dei nuovi modelli di presa in carico e gestione della continuità assistenziale; 3. il terzo guarda a tecnologie più recenti, che fanno leva sull’intelligenza artificiale (IA) per supportare i processi decisionali clinici, di diagnosi e scelta del trattamento, con applicazioni promettenti nel sistema delle cure primarie; 4. il quarto approfondisce tecnologie, come la robotica o la realtà virtuale e aumentata, che stanno modificando i processi di cura e per le quali gli sviluppi attesi nel campo della riabilitazione sono altissimi; 5. il quinto, definito «degli ambienti intelligenti», vede nuovamente l’applicazione di tecnologie già disponibili nel mercato, ma ricombinate in modalità originali per contribuire alla copertura di bisogni di assistenza socio-sanitaria sempre crescenti. Ognuno dei cinque ambiti, approfondito attraverso l’analisi di alcuni casi esemplificativi, presenta traiettorie di sviluppo differenziate ma alcune tendenze comuni, tra cui: la tendenza alla disintermediazione nei processi di consumo che spiazza il tradizionale ruolo del professionista; le difficoltà strutturali delle aziende pubbliche nel percorrere processi di innovazione analoghi a quelli «più radicali» sviluppati nel circuito dei consumi privati e l’importanza del top management nel consolidare e trasmettere all’azienda il bisogno di assimilare l’innovazione traducendola in processi e modalità di funzionamento.
9788823851627
CERGAS - Bocconi
Rapporto OASI 2019
Boscolo, PAOLA ROBERTA; Fenech, Lorenzo; Rappini, Valeria; Rotolo, Andrea
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cap14OASI_2019.pdf

accesso aperto

Descrizione: Capitolo
Tipologia: Pdf editoriale (Publisher's layout)
Licenza: PUBBLICO DOMINIO
Dimensione 977.23 kB
Formato Adobe PDF
977.23 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4023931
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact