Nel caso in esame si pone il problema di stabilire se possa applicarsi la disciplina dell’aberratio ictus di cui all’art. 82 c.p. quando l’agente con la propria condotta cagiona per errore molestia o disturbo a una persona diversa rispetto a quella nei cui confronti l’azione era diretta.

Aberratio ictus (art. 82 c.p.) e molestie (art. 660 c.p.) mediante l’invio di MMS

Trinchera, Tommaso
2015-01-01

Abstract

Nel caso in esame si pone il problema di stabilire se possa applicarsi la disciplina dell’aberratio ictus di cui all’art. 82 c.p. quando l’agente con la propria condotta cagiona per errore molestia o disturbo a una persona diversa rispetto a quella nei cui confronti l’azione era diretta.
978-88-6657-608-2
Basile, Fabio
Pareri (im)possibili di penale
Trinchera, Tommaso
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TT2015_QIDP_2.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print (Pre-print document)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 143.16 kB
Formato Adobe PDF
143.16 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4021795
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact