La Corte di Strasburgo assesta un duro colpo alla disciplina italiana delle misure di prevenzione personali