Verso una ‘Parte generale europea’?