Il capitolo affronta il tema della gestione dei flussi logistici, nella prospettiva della sostenibilità ambientale e della progettazione di sistemi in grado di gestire processi cradle-to-cradle. In tali contesti emerge l'opportunità di elaborare sistemi definiti "Clodsed-loop supply chain", che integrino flussi logistici distributivi con flussi di reverse logistics. L'obiettivo di creazione di valore per gli stakeholder, in tal caso, è legato alla capacità di selezionare le più opportune opzioni di recupero (recovery options), sfruttando la capcità di progettare e gestire sistemi logistici appropriati.

Reverse logistics e sostenibilità

GRANDO, ALBERTO
2015

Abstract

Il capitolo affronta il tema della gestione dei flussi logistici, nella prospettiva della sostenibilità ambientale e della progettazione di sistemi in grado di gestire processi cradle-to-cradle. In tali contesti emerge l'opportunità di elaborare sistemi definiti "Clodsed-loop supply chain", che integrino flussi logistici distributivi con flussi di reverse logistics. L'obiettivo di creazione di valore per gli stakeholder, in tal caso, è legato alla capacità di selezionare le più opportune opzioni di recupero (recovery options), sfruttando la capcità di progettare e gestire sistemi logistici appropriati.
9788865183663
Bergamaschi, Mara; Renoldi, Angelo
Logistica e supply chain management
Grando, Alberto
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Logistica&SupplyChainManagement.pdf

non disponibili

Tipologia: Allegato per valutazione Bocconi (Attachment for Bocconi evaluation)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.5 MB
Formato Adobe PDF
3.5 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11565/3979720
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact