Sulla progettata "novella del 2011" della legge azionaria tedesca