La "mano visibile" sui teatri milanesi