Contratto collettivo e sciopero: variazioni metodologiche