I’m sane enough now for them to kill me, ovvero dei macabri paradossi statunitensi in tema di pena di morte