Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha previsto lo stanziamento di 191,5 miliardi di euro per l’Italia. Se da un lato si innovano le infrastrutture fisiche, “l’hardware logistico”, dall’altro si dovrebbe investire nel ridisegno dei servizi per gli utenti, nella reingegnerizzazione dei processi di lavoro e nel rafforzare e modificare competenze e ruoli professionali, “il software organizzativo”. La parte hard è stata ampiamente affrontata con un preciso processo di project management top-down che coinvolge l’intera filiera istituzionale, dal Ministero alle Regioni, e da queste alle aziende sanitarie pubbliche. La dimensione che riguarda la seconda variabile, ovvero la riprogettazione dei servizi, la reingegnerizzazione dei processi e delle competenze di lavoro è stata di fatto delegata alla piena autonomia delle regioni o, qualora queste siano altrettanto silenti, delle aziende sanitarie pubbliche. Il presente articolo presenta al proposito un framework di innovazione disruptive dei servizi territoriali, con un particolare focus sui processi di prevenzione, sui pazienti cronici e fragili e sulle nuove modalità di accesso e fruizione per tutti i pazienti occasionali.

Un framework per la digitalizzazione del territorio

Longo, Francesco
Conceptualization
;
Boscolo, Paola Roberta
Writing – Original Draft Preparation
;
Buongiorno Sottoriva, Claudio
Writing – Original Draft Preparation
2022-01-01

Abstract

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha previsto lo stanziamento di 191,5 miliardi di euro per l’Italia. Se da un lato si innovano le infrastrutture fisiche, “l’hardware logistico”, dall’altro si dovrebbe investire nel ridisegno dei servizi per gli utenti, nella reingegnerizzazione dei processi di lavoro e nel rafforzare e modificare competenze e ruoli professionali, “il software organizzativo”. La parte hard è stata ampiamente affrontata con un preciso processo di project management top-down che coinvolge l’intera filiera istituzionale, dal Ministero alle Regioni, e da queste alle aziende sanitarie pubbliche. La dimensione che riguarda la seconda variabile, ovvero la riprogettazione dei servizi, la reingegnerizzazione dei processi e delle competenze di lavoro è stata di fatto delegata alla piena autonomia delle regioni o, qualora queste siano altrettanto silenti, delle aziende sanitarie pubbliche. Il presente articolo presenta al proposito un framework di innovazione disruptive dei servizi territoriali, con un particolare focus sui processi di prevenzione, sui pazienti cronici e fragili e sulle nuove modalità di accesso e fruizione per tutti i pazienti occasionali.
2022
Longo, Francesco; Boscolo, Paola Roberta; Buongiorno Sottoriva, Claudio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
07_Mecosan_122_22OA_Longoetal.pdf

accesso aperto

Descrizione: full paper
Tipologia: Pdf editoriale (Publisher's layout)
Licenza: Creative commons
Dimensione 873.97 kB
Formato Adobe PDF
873.97 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4053240
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact