Qualche nota sul cosiddetto “insider di sé stesso” alla luce del Regolamento UE sugli abusi di mercato