Coronavirus, dignità umana e contratti pubblici