Le spinte verso la riforma dei sistemi organizzativi e gestionali delle Amministrazioni Pubbliche implicano il problema della definizione e valutazione di strumenti ed approcci manageriali per la gestione del processo di cambiamento. Fra questi, il Business Process Reengineering (BPR) si configura come un approccio basato sulla logica per processi e focalizzato sugli aspetti di ridisegno della struttura organizzativa e dei sistemi operativi. Notevoli appaiono le potenzialità dell’applicazione del BPR nella Pubblica Amministrazione. Peraltro, le peculiarità del contesto organizzativo nel settore pubblico impongono di indagare i tratti caratterizzanti l’approccio BPR applicato nelle Pubbliche Amministrazioni. E’ di conseguenza necessario sviluppare conoscenze e strumenti, i quali costituiscono uno specifico filone di studi. Sulla scia di alcuni autori, è pertanto possibile parlare di Public Administration Reengineering, per indicare l’insieme dei tratti caratterizzanti il BPR applicato nel contesto delle Amministrazioni pubbliche. L’esplicitazione delle caratteristiche qualificanti tale approccio rappresenta l’oggetto del presente contributo. Vari fattori, sia di ordine più strettamente teorico, sia basati su considerazioni più direttamente empiriche, portano a ritenere che l’orientamento ai processi possa costituire uno strumento chiave per la gestione del cambiamento organizzativo, le cui reali potenzialità, al di là di un utilizzo abbastanza abusato del termine BPR, debbono ancora essere esplorate ed attuate. Dopo un inquadramento dei possibili livelli di analisi relativamente al tema dell’applicazione della logica per processi, vengono definiti obiettivi e leve di un intervento di process reengineering. Successivamente si propongono alcuni modelli di prima approssimazione per l’identificazione, classificazione e selezione dei processi sui quali intervenire. Sono poi richiamati alcuni criteri per lo sviluppo del nuovo modello di funzionamento del processo. Vengono quindi esaminate le fasi di un progetto di process reengineering e la strumentazione utilizzabile. Uno specifico approfondimento è dedicato al ruolo dell’Information & Communication Technology. In conclusione sono ripresi e sviluppati i principali elementi specifici caratterizzanti interventi di process reengineering nel settore pubblico. Sono inoltre discusse alcune problematiche relative alle potenzialità dell’approccio per processi quale strumento per lo sviluppo organizzativo delle Amministrazioni Pubbliche.

Il Process Reengineering strumento per l’innovazione della pubblica Amministrazione

ONGARO, EDOARDO
2000

Abstract

Le spinte verso la riforma dei sistemi organizzativi e gestionali delle Amministrazioni Pubbliche implicano il problema della definizione e valutazione di strumenti ed approcci manageriali per la gestione del processo di cambiamento. Fra questi, il Business Process Reengineering (BPR) si configura come un approccio basato sulla logica per processi e focalizzato sugli aspetti di ridisegno della struttura organizzativa e dei sistemi operativi. Notevoli appaiono le potenzialità dell’applicazione del BPR nella Pubblica Amministrazione. Peraltro, le peculiarità del contesto organizzativo nel settore pubblico impongono di indagare i tratti caratterizzanti l’approccio BPR applicato nelle Pubbliche Amministrazioni. E’ di conseguenza necessario sviluppare conoscenze e strumenti, i quali costituiscono uno specifico filone di studi. Sulla scia di alcuni autori, è pertanto possibile parlare di Public Administration Reengineering, per indicare l’insieme dei tratti caratterizzanti il BPR applicato nel contesto delle Amministrazioni pubbliche. L’esplicitazione delle caratteristiche qualificanti tale approccio rappresenta l’oggetto del presente contributo. Vari fattori, sia di ordine più strettamente teorico, sia basati su considerazioni più direttamente empiriche, portano a ritenere che l’orientamento ai processi possa costituire uno strumento chiave per la gestione del cambiamento organizzativo, le cui reali potenzialità, al di là di un utilizzo abbastanza abusato del termine BPR, debbono ancora essere esplorate ed attuate. Dopo un inquadramento dei possibili livelli di analisi relativamente al tema dell’applicazione della logica per processi, vengono definiti obiettivi e leve di un intervento di process reengineering. Successivamente si propongono alcuni modelli di prima approssimazione per l’identificazione, classificazione e selezione dei processi sui quali intervenire. Sono poi richiamati alcuni criteri per lo sviluppo del nuovo modello di funzionamento del processo. Vengono quindi esaminate le fasi di un progetto di process reengineering e la strumentazione utilizzabile. Uno specifico approfondimento è dedicato al ruolo dell’Information & Communication Technology. In conclusione sono ripresi e sviluppati i principali elementi specifici caratterizzanti interventi di process reengineering nel settore pubblico. Sono inoltre discusse alcune problematiche relative alle potenzialità dell’approccio per processi quale strumento per lo sviluppo organizzativo delle Amministrazioni Pubbliche.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11565/40222
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact