A breve distanza dalla pronuncia del Tribunale di Milano di cui abbiamo dato conto poco tempo fa, annotiamo ora un'altra sentenza di merito che è intervenuta in un caso di fecondazione assistita di tipo eterologo e contestuale maternità surrogata (c.d. utero in affitto), pervenendo però a una soluzione diametralmente opposta. In questo caso il Tribunale di Brescia ha ritenuto che si configuri il reato di alterazione di stato previsto dall'art. 567 co. 2 c.p. qualora il neonato sia dichiarato figlio della donna che non ha partorito il bambino e che non ha con esso alcun legame genetico. Il reato sussiste anche se l'atto di nascita è stato formato all'estero (nel caso di specie Ucraina) e successivamente trascritto nei registri dello stato civile italiano qualora, come nel caso di specie, la legge del Paese ove il bambino è nato non consenta il ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita in concreto praticate (ricorso sia alla donazione di ovociti sia alla surrogazione di maternità).

Ancora in tema di alterazione di stato e procreazione medicalmente assistita all’estero: una sentenza di condanna del Tribunale di Brescia

Trinchera, Tommaso
2014-01-01

Abstract

A breve distanza dalla pronuncia del Tribunale di Milano di cui abbiamo dato conto poco tempo fa, annotiamo ora un'altra sentenza di merito che è intervenuta in un caso di fecondazione assistita di tipo eterologo e contestuale maternità surrogata (c.d. utero in affitto), pervenendo però a una soluzione diametralmente opposta. In questo caso il Tribunale di Brescia ha ritenuto che si configuri il reato di alterazione di stato previsto dall'art. 567 co. 2 c.p. qualora il neonato sia dichiarato figlio della donna che non ha partorito il bambino e che non ha con esso alcun legame genetico. Il reato sussiste anche se l'atto di nascita è stato formato all'estero (nel caso di specie Ucraina) e successivamente trascritto nei registri dello stato civile italiano qualora, come nel caso di specie, la legge del Paese ove il bambino è nato non consenta il ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita in concreto praticate (ricorso sia alla donazione di ovociti sia alla surrogazione di maternità).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TT2014_DPC_4.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print (Post-print document)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 95.64 kB
Formato Adobe PDF
95.64 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/4021702
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact