Con la sentenza in esame la Corte di cassazione ha ritenuto sia possibile applicare alla persona giuridica le misure cautelari interdittive previste dall’art. 9, comma 2, d.lgs. n. 231/2001 anche nell’ipotesi in cui il reato presupposto per la responsabilità dell’ente sia quello di corruzione internazionale di cui all’art. 322 bis c.p.

Cass. pen., sez. VI, sent. 30 settembre 2010 (dep. 1 dicembre 2010), n. 42701, Pres. De Roberto, Rel. Fidelbo (responsabilità degli enti e delitti di corruzione internazionale) – Applicabili all'ente le misure cautelari interdittive in relazione ai delitti di corruzione internazionale

Trinchera, Tommaso
2010

Abstract

Con la sentenza in esame la Corte di cassazione ha ritenuto sia possibile applicare alla persona giuridica le misure cautelari interdittive previste dall’art. 9, comma 2, d.lgs. n. 231/2001 anche nell’ipotesi in cui il reato presupposto per la responsabilità dell’ente sia quello di corruzione internazionale di cui all’art. 322 bis c.p.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TT2010_DPC_1.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print (Post-print document)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 68.12 kB
Formato Adobe PDF
68.12 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11565/4021655
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact