Danno da morte, coscienza sociale e risarcimento per i congiunti: verso una riforma del BGB?