Il volume propone l’edizione critica di tre états des finance dello Stato di Milano, compilati durante la dominazione francese della Lombardia nel primo Cinquecento (1499-1512 e 1515-25), conservati presso le Archives nationales di Parigi. Si tratta di documenti eccezionali per la quantità e la qualità delle informazioni che tramandano, fruibili ad una pluralità di livelli, che consentono di gettare un ampio sguardo su di un periodo altrimenti avaro di fonti, anche di altro tipo. Di qui la scelta di proporne un’edizione integrale, che intende ovviare all’attenzione piuttosto limitata a essi fin ora rivolta, probabilmente a causa della loro collocazione “intermedia” tra periodi storici, nazioni e ambiti disciplinari. In un’ampia introduzione i due autori, secondo le loro specifiche competenze, inquadrano il testo: da un lato, si mettono in luce le modalità di elaborazione degli états, le loro finalità e il loro uso, dall’altro, li si analizza in una prospettiva finanziaria, proponendo, oltre ai dati quantitativi, una riflessione più generale sulla natura e la funzione di questo strumento di governo nel primo Cinquecento. Questo duplice approccio intende superare i limiti di un’analisi spesso troppo settoriale di fonti di questo tipo, proponendo agli studiosi un solido punto di partenza per più vaste indagini su di un periodo che può essere a buon titolo considerato uno snodo della storia europea. Un cospicuo apparato critico completa l’edizione.

Stati di guerra. I bilanci della Lombardia francese del primo Cinquecento

DI TULLIO, MATTEO;
2014

Abstract

Il volume propone l’edizione critica di tre états des finance dello Stato di Milano, compilati durante la dominazione francese della Lombardia nel primo Cinquecento (1499-1512 e 1515-25), conservati presso le Archives nationales di Parigi. Si tratta di documenti eccezionali per la quantità e la qualità delle informazioni che tramandano, fruibili ad una pluralità di livelli, che consentono di gettare un ampio sguardo su di un periodo altrimenti avaro di fonti, anche di altro tipo. Di qui la scelta di proporne un’edizione integrale, che intende ovviare all’attenzione piuttosto limitata a essi fin ora rivolta, probabilmente a causa della loro collocazione “intermedia” tra periodi storici, nazioni e ambiti disciplinari. In un’ampia introduzione i due autori, secondo le loro specifiche competenze, inquadrano il testo: da un lato, si mettono in luce le modalità di elaborazione degli états, le loro finalità e il loro uso, dall’altro, li si analizza in una prospettiva finanziaria, proponendo, oltre ai dati quantitativi, una riflessione più generale sulla natura e la funzione di questo strumento di governo nel primo Cinquecento. Questo duplice approccio intende superare i limiti di un’analisi spesso troppo settoriale di fonti di questo tipo, proponendo agli studiosi un solido punto di partenza per più vaste indagini su di un periodo che può essere a buon titolo considerato uno snodo della storia europea. Un cospicuo apparato critico completa l’edizione.
École française de Rome
9782728309894
DI TULLIO, Matteo; L., Fois
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11565/3909118
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact