Dimissioni del lavoratore: Libertà di forma e primato della volontà