Il deficit di infrastrutture come deficit di sovranità