Sulla c.d. “disparità di potere contrattuale”